Lettera semiseria ‘a nnammurata mia

Lettera semiseria ‘a nnammurata mia

LETTERA SEMISERIA
‘A NNAMMURATA MIA

La Storia

Questa storia che cammina è dedicata a Cinzia, la mia compagna, la mia complice, la mia forza, insomma  ‘a nnammurata mia. 

Vincenzo Moretti

 

Mia cara Cinzia non trovo le parole. ‘O saccio, tieni ragione, faccio fatica io a crederci figurati tu, io che non mi sto mai zitto, io che scrivo e scrivo e scrivo fino all’infinito e oltre, non trovo le parole.

Mò, se tu fossi un’altra, ti direi che l’amore mio per te è così grande che non ci sono parole per raccontarlo, che potrebbe essere pure la verità, ma cu ‘tte come faccio, tu poi mi tormenti, mi prendi in giro, lo racconti agli amici, e io tengo un’eta e una reputazione, questa jacovella non la posso fare.

Cinziè, mi devi credere, qualunque cosa penso mi sembra troppo poco, già detta, banale. Con la storia del lavoro ben fatto è stato facile, ho scelto due articoli del Manifesto e via, ma con te come faccio, tu sei fatta di tante maniere, tieni mille e una possibilità.  Dico ‘na cosa e ne penso altre cento: “e si po’ chesta ‘cca nun le piace?”, “e si po’ me domanda pecchè?”.

Il tuo narratore preferito – a proposito, ma sono io il tuo narratore preferito, non è vero? – sta ‘a piezze amore mio, è nudo peggio di un re, per fortuna che, come dicevano gli antichi, il napoletano se fa sicc’ ma nun more, dimagrisce ma non muore.

Ho deciso che risolvo con due citazioni, nel senso sulle scarpe ci scrivo i titoli di due canzoni, Te voglio bene assaje e Piece of my heart, quando puoi clicca sui link, hanno anche loro una bella storia.

Ti saluto con una poesia di Eduardo De Filippo, L’ammore ched’è, è bellissima, nel video la recita insieme a Monica Vitti. L’ho scelta perché con te “è maggio pe’ n’anno”, e nun è poco.

TE VOGLIO BENE ASSAJE
PIECE OF MY HEART

Sullo shop online del produttore è possibile ordinare la produzione di questo prodotto

lamiastoria@scritte.blog